Questo sito utilizza dei cookie tecnici e di terze parti. Continuando con la navigazione l'utente accetta il loro utilizzo. Ulteriori informazioni

Unioncamere del Veneto


 
Percorso: Homepage / News / Scheda News

Progetto AlpinnoCT: conferenza finale

21 ottobre 2019 |  Bruxelles | 19 novembre ore 9.30 presso rappresentanza Ue di Baviera

Venezia, 21 ottobre 2019 | Le Alpi sono un crocevia per il trasporto merci e sono essenziali per lo sviluppo economico dell’Unione Europea e dello Spazio Alpino. Allo stesso tempo però costituiscono un delicato ecosistema che necessita una maggiore protezione.

Il progetto AlpInnoCT è partito da uno studio dello stato dell’arte del trasporto combinato, delle sue opportunità e debolezze e delle possibili soluzioni applicabili nel lungo termine, grazie ad un confronto continuo e sette eventi di dialogo con le principali categorie di stakeholder del trasporto nei 5 Paesi a cui appartengono i partner. Il progetto ha poi individuato cinque casi pilota, ossia cinque soluzioni concrete per sviluppare il trasporto combinato nello spazio alpino e le ha implementate all’interno di due relazioni pilota: Verona-Norimberga-Rostock e Trieste-Villaco-Bettembourg. Applicando il know-how delle industrie di produzione, ha analizzato le strategie, le politiche e i processi già esistenti per sostenere lo sviluppo del trasporto combinato e ha prodotto 6 Action Sheet politici e 5 Action Sheet tecnici, pronti per essere applicati.

Di questi risultati e si parlerà alla conferenza finale di progetto che si terrà martedì 19 novembre 2019 dalle 9.30 alle 15.30 a Bruxelles presso la Rappresentanza UE del libero stato di Baviera, in Rue Wiertz 77, 1000. Grazie alla presenza di esponenti della Parlamento Europeo e del Programma Spazio Alpino e a importanti stakeholder, l’evento sarà l’occasione per confrontarsi sulle strategie per sviluppare un trasporto combinato efficiente e a basse emissioni di carbonio nello spazio alpino.

Il progetto AlpInnoCT, co-finanziato dal programma Spazio Alpino con circa 3 milioni di euro, è iniziato a novembre 2016 e terminerà a gennaio 2020 e ha coinvolto 15 partner di 5 Paesi alpini (Italia, Austria, Germania, Svizzera, e Slovenia) e 40 osservatori.

IL COMUNICATO STAMPA